L'arte in villa

ingresso_pinacoteca«Piazza Armerina: nel cuore della Sicilia, il cuore della Sicilia. Posso sintetizzare con lo slogan che abbiamo adottato quest’anno il piacere o la sensazione che proponiamo al turista che vuole venire da noi». Lo afferma con enorme soddisfazione Fausto Carmelo Nigrelli, sindaco di Piazza Armerina, ingegnere, professore ordinario di Tecnica e Pianificazione urbanistica all'Università di Catania.

Quali sono stati i vantaggi dell’ingresso di Piazza Armerina nel patrimonio mondiale dell’Unesco?

Non c’è dubbio che il riconoscimento Unesco ha avuto almeno due vantaggi rilevantissimi che, senza esagerazioni, posso affermare hanno rappresentato una svolta storica per la Villa e per il territorio. Il primo è l’attenzione internazionale che ha costituito un determinante sostegno alla battaglia che in quegli anni le associazioni ambientaliste (Italia Nostra, Legambiente) combattevano per ottenere interventi di restauro, adeguamento della musealizzazione, realizzazione di spazi per servizi aggiuntivi contro lo stato di abbandono in cui la Villa era caduta dall’inizio di quel decennio. Il secondo è il costante aumento dei visitatori. Se nel 1997 i visitatori furono 347 mila, record fino ad allora, già nel 2000 furono circa 423 mila e nel 2002 addirittura 458 mila per poi scendere fino ai 423 mila del 2006.

Da quando sono iniziati i lavori di restauro e di nuova musealizzazioni che prevedono la sostituzione di gran parte delle coperture, del sistema che costituiva i volumi e delle passerelle, la Villa è stata solo parzialmente aperta o addirittura chiusa per alcuni mesi all’anno. Nel 2010 si è toccato il minimo dall’inizio degli anni Novanta (244 mila) per risalire già a 272 mila nel 2011. In ogni caso dall’inizio del nuovo millennio la Villa è costantemente tra le quattro aree archeologiche più visitate in Italia fuori Roma: dal secondo posto dopo Pompei del 2003, al quarto dietro Pompei, Siracusa e Agrigento degli ultimi anni (dati TCI).

Come state tutelando la villa, ma l’intero paesaggio?

Il Piano paesaggistico redatto dalla Soprintendenza BCA di Enna tra il 2005 e il 2007 con la supervisione degli urbanisti dell’Università di Catania sotto la direzione del compianto preside della facoltà di Architettura Giuseppe Dato, individua tra i paesaggi locali quello dell’“Alta Valle del Fiume Gela” che «corrisponde al sistema territoriale e paesaggistico che si sviluppa a partire dal tratto più alto del corso del fiume Gela », definito «colonna vertebrale del Patrimonio culturale della Sicilia centro meridionale [poiché] nel corso dei secoli si è configurato come una sorta di “autostrada della civilizzazione” e oggi presenta, in prossimità dell’alveo o in aree ad esso connesse, le tracce, spesso importantissime, delle diverse fasi storiche e i residui della folta vegetazione che ha sempre caratterizzato la valle». Il PTPEn riconosce la presenza di una notevole quantità di beni isolati, dal Gran Priorato di S. Andrea alle masserie, ai mulini, al santuario di Piazza Vecchia, oltre al centro storico di Piazza e alla Villa romana in un contesto di paesaggio agricolo di pregio e individua tali caratteri come valori paesaggistici.

Gli “Indirizzi programmatici generali” sottolineano che deve essere posta particolare attenzione al sistema urbano del centro storico di Piazza Armerina, al sistema di “Piazza Vecchia”, al sistema di mulini e paratori oltre che all’area del “Casale dei saraceni” con la sua villa tardo-imperiale; devono essere inoltre tutelate e messe in rete le numerose aree archeologiche di pregio presenti all’interno dell’area tra loro e con le altre emergenze culturali. Per raggiungere questo scopo individua l’istituzione di un “Parco territoriale-archeologico dell’alto corso del Gela e della Villa romana del Casale” come possibile strumento di governo di un così delicato territorio. Il Piano non è ancora stato approvato dalla Regione, tuttavia nell’estate 2010 l’Assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana ha istituito il “Parco archeologico della Villa romana del Casale e delel aree archeologiche di Piazza Armerina e dei comuni limitrofi” che, anche se non prende in considerazione il Piano paesaggistico, può rappresentare un primo strumento per la tutela del paesaggio attorno alla Villa.

Esiste un consorzio o un marchio unico di tutela e promozione?

Nell’aprile 2010 è stata avviata dall’Assessorato regionale del Turismo la procedura per il riconoscimento dei Distretti turistici. Il Comune di Piazza Armerina, insieme alla Provincia di Enna e ai comuni di Aidone, Caltagirone, Enna, Leonforte e Centuripe ha costituito il Distretto turistico “Dea di Morgantina” che è stato riconosciuto e registrato nel dicembre 2011. Il Piano di sviluppo turistico del Distretto si basa sull’atout della Villa e prevede l’elaborazione di un marchio d’area che coinvolga le strutture turistico-ricettive del territorio sulla base di specifici protocolli volti a promuovere il territorio nella sua totalità, a partire dai prodotti tipici del territorio.

PalioNormanniQuali iniziative o eventi avete promosso?

Il Comune dalla seconda metà del 2008 ha avviato strategie di promozione della Villa volte a compensare la minore attrattività dovuta alla presenza del cantiere e, al tempo stesso, ha sempre e costantemente promosso insieme al monumento romano, la città, con il suo centro storico e il suo patrimonio artistico materiale e immateriale. Di questa strategia hanno fatto parte le partecipazioni a fiere di settore con contenuti specifici (turismo archeologico a Paestum, città d’arte a Ravenna, turismo mediterraneo a Napoli, Rimini, WTE dei siti Unesco ad Assisi), il controllo sistematico dei contenuti delle principali guide turistiche italiane, la presenza su riviste specializzate tra cui quelle delle compagnie aeree e degli aereoporti, la partecipazione a trasmissioni radiofoniche e televisive. La città ha un nuovo protagonismo sul piano nazionale che l’hanno portata ad essere eletta vicepresidente nazionale dell’Associazione Beni italiani patrimonio Unesco, componente del direttico dell’Associazione Nazionale Centri Storico Artistici ANCSA, della Federazione Italiana Giochi Storici e socia dell’Istituto Alcide Cervi di Reggio Emilia.

Tra le iniziative strutturali, particolarmente importante per il consolidamento del centro storico quale secondo magnete turistico del territorio, l’istituzione del SiMPA Sistema Museale di Piazza Armerina che comprende, tra l’altro, la Pinacoteca comunale inaugurata il 20 dicembre, in un convento del ‘500 a pochi metri dal Palazzo Trigona, su piazza Cattedrale, di proprietà del Parco della Villa e destinato a Museo della Città e del territorio (apertura prevista in primavera 2012). Questa iniziativa è accompagnata da numerosi restauri di opere d’arte mobili e dalla presentazioni di numerosi progetti cantierabili volti alla messa in valore e socializzazione di patrimonio architettonico e urbanistico, in parte realizzati, in parte in fase di finanziamento. Tra gli eventi particolare importanza riveste Piazzajazz, summer school che si svolge nell’ultima settimana di luglio nella quale nell’edizione 2011 oltre 120 allievi provenienti da varie parti d’Italia hanno studiati i vari strumenti con maestri di fama internazionale. Si svolgono cinque concerti al giorno, dal pranzo alla notte e il centro storico della città si trasforma in un unico palcoscenico.

Quali progetti avete in cantiere per i prossimi mesi?

Per quanto riguarda gli interventi strutturali l’inaugurazione della chiesa di S. Anna vecchia restaurata come aula magna dell’omonimo convento che ospita corsi universitari entro gennaio 2012; l’inaugurazione della mostra permanente del Libro antico, parte del SiMPA, presso l’oratorio dei Nobili del Collegio dei Gesuiti nel mese di febbraio; l’inaugurazione della casa della cultura con l’archivio fotografico e fototeca comunali nell’asse principale del centro storico, via Garibaldi, nel mese di aprile; la riapertura dei granai di Monte Prestami come galleria d’arte contemporanea nel mese di giugno. L’evento principale sarà legato al completamento dei lavori sulla Villa previsto per la primavera 2012 in occasione del quale saranno organizzati numerosi eventi, tra cui l’assemblea dei siti Unesco italiani, per la prima volta in Sicilia. A Pasqua le tradizioni del venerdì santo con i “lamentatori”; a luglio la IV edizione di Piazzajazz; ad agosto la 57esima edizione del “Palio dei Normanni” unica rievocazione storica del sud riconosciuta dalla Federazione Giochi Storici.

Mauro Carena

 

 

Share
comments

Viaggi

  • Four Seasons…

    Four Seasons Hotels and Resorts svela il nuovo itinerario del Four Seasons…
  • Tuffo nella storia…

    Abbadia San Salvatore (Siena) rinnova una delle più suggestive rievocazioni…
  • Gozo, relax e…

    Per gli amanti del mare, del sole e della cucina mediterranea, una visita…
  • Genova città…

    Nel 2016 ricorre il decennale del riconoscimento da parte dell'Unesco del…
  • Un'estate di…

    Tra le maestose vette del Catinaccio e del Latemar si nasconde il mondo…
  • Merano, estate ai…

    Nell'anfiteatro del Laghetto delle Ninfee, sotto la luna e le stelle,…
  • Oasi d'amore a…

    Ben 1.500 metri quadrati dedicati all'amore in tutte le sue sfaccettature,…
  • DOLOMITI 2016:…

    Ciò che è giusto per tutti, dev'essere diverso per ognuno. È questa qualità…
  • Celebrity Cruises:…

    Modern Luxury. Questa è la vera essenza di una crociera firmata Celebrity…
  • Macerata, città del…

    Macerata è uno dei più interessanti capoluoghi di provincia delle Marche.…
  • Belluno, la città…

    Belluno sorge sulla destra del fiume Piave, in mezzo a una vasta conca fra…
  • L'Italia delle…

    I Sassi di Matera sono stati iscritti nella lista Unesco nel 1993, primo…
  • Merano, ai Giardini…

    I Giardini di Sissi di Merano spalancano le porte alle famiglie con bambini…
  • Trenino della…

    Comodamente seduti sui sedili di un piccolo trenino turistico rosso fuoco,…
  • Ciuco Raduno 2.0 in…

    Il fine settimana dal 12 al 14 giugno la Val Tramontina, in Friuli, sarà…
  • Festival delle Rose…

    Profumo, colore e bellezza: è in corso fino al 10 maggio 2015 il Festival…
  • Un secolo di vita…

    Miami Beach festeggia i 100 anni e si presenta completamente mutata…
  • Torre di Pisa,…

    I lavori iniziarono il 9 agosto del 1173, che secondo il calendario pisano…
  • Pompei, la città…

    Per 1700 anni Pompei fu letteralmente cancellata dalla faccia della terra,…
  • Reggia di Caserta,…

    Carlo III di Borbone, re di Napoli, non aveva in sostanza una vera sua…
  • Colosseo, una…

    Chiamato dagli antichi Romani, "Anphitheatrum Flavlum" (Anfiteatro Flavio),…
  • A Lana la geografia…

    Good place or bad place? È la domanda tormentone dell'estate a Lana e…
  • Palio di Ferrara,…

    Bandiere al vento disegnano acrobazie in aria, cavalli al galoppo si…
  • Siena, la dolce…

    Siena, la città del Palio, è uno dei centri più visitati e più conosciuti…
  • Parco Pineta,sempre…

    Il Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate ha inaugurato l'impianto di…
  • Aosta, la Roma…

    Aosta, capoluogo elegante della regione autonoma Valle d'Aosta con circa…
  • Firenze, culla del…

    Firenze è una delle città più conosciute del mondo. È stata per molti anni…
  • I Bronzi di Riace…

    La personalizzazione dell'intera fusoliera di un aeromobile Inz e di un…
  • Parco Pineta: oltre…

    La Lombardia ha un cuore verde ricco di biodiversità, un cuore che batte al…
  • Milano,…

    Ho sempre avuto una memoria visiva insuperabile per l'amata Milano. A…
  • Bolzano, piacere…

    Detta la "città dai mille dialetti" o "degli incontri", Bolzano rappresenta…
  • Trento, una città…

    Trento è la provincia italiana dove si vive meglio secondo la ricerca…
  • Napoli la più…

    Dimenticate Firenze, Roma e Venezia, per la giornalista americana Rachel…
  • Dolomiti, slitta…

    La stagione invernale 2014 nelle Dolomiti è sotto il segno dello slittino,…
  • The Chedi…

    Il 20 dicembre 2013 si aprono ufficialmente le porte per i primi ospiti di…
  • Parco Orobie…

    Il Parco delle Orobie Valtellinesi custodisce nel suo interno montagne che…
  • Lutago, il regno…

    È un laboratorio di scultura in continuo fermento l'Area Vacanze Valle di…
  • I Mercatini…

    La magia del Natale e la bontà dei dolci tipici arrivano anche a Lagundo,…
  • Estella viaggia nel…

    "Abruzzo un viaggio nel tempo". È questo l'evocativo titolo del libro che…
  • Parco del Monte…

    Il Parco del Monte Barro, situato alle porte di Milano, è caratterizzato da…
  • Siti Unesco si…

    L'Italia è il paese dei mille campanili: il belpaese ha una profondità…
  • Val Camonica,…

    Le prime tracce dell'uomo in Valle Camonica risalgono almeno a 13mila anni…
  • Orobie Bergamasche,…

    Il Parco delle Orobie Bergamasche ha un regime di tutela che lo…
  • Bolzano, un'estate…

    MusicaArriva agosto e ancora una volta la città di Bolzano diventa capitale…
  • Trieste, eccellenze…

    Lo spettacolo di Trieste dal mare illuminata dalle mille luci della sera,…
  • Iberotel, nel verde…

    Circondato dal verde del Parco naturale “Marina di Ugento”, a pochi passi…
  • A strapiombo sul…

    Il Parco Alto Garda Bresciano, con le rocce strapiombanti nel lago, gli…
  • Cilento, paradiso…

    Un Parco con annesse riserve marine, i templi di Paestum, la Certosa di…
  • St. Moritz, clima…

    St. Moritz è una delle località turistiche più conosciute al mondo. Chic,…
  • Una borsa di…

    Taglio del nastro giovedì 15 novembre alle ore 10 per la XV edizione della…
  • Tanta natura

    Con legge n. 11 del 2 marzo 2005 è stato istituito il PARCO REGIONALE…
  • Costiera…

    La costiera amalfitana è il tratto di costa campana, situato a sud della…
  • Il nonno dei parchi

    Il Parco nazionale dello Stelvio , istituito nel 1935, è uno dei più…
  • Alla corte dei…

    Quando si arriva a Mantova il tempo sembra essersi fermato. La città…
  • Firenze, il centro…

    Patrimonio dell’Umanità riconosciuto dall’Unesco nel 1982, il Centro…
  • Adamello, cuore…

    Il Parco dell'Adamello si trova al centro della catena alpina, nelle Alpi…
  • Parco Pineta,…

    Il Parco della Pineta di Appiano Gentile e Tradate (chiamato anche…
  • L'arte in villa

    «Piazza Armerina: nel cuore della Sicilia, il cuore della Sicilia. Posso…
  • La Firenze del Nord

    Da quando lo scrittore Johann Gottfried Herder vide Dresda e il suo…
  • Bernina, viaggio…

    Un treno rosso, tra montagne verdi, spesso coperte di neve e ghiacci. E poi…
  • Un Piemonte mai…

    Ripercorrere la Via del Sale e scorrazzare in vespa tra Langhe e Roero;…
  • Colletorto, il…

    Era il 2 agosto del 216 a. C. quando, sulla riva del Fortore, il fiume che…
  • Tra mare e montagne

    Le Cinque Terre sono la Liguria all’estremo. In una regione che ha trovato…
  • Alla scoperta del…

    Il Collio all’insegna della sostenibilità ambientale. La Giant, uno dei…
  • Eolie, le isole…

    Eccolo, l’arcipelago. Dieci isolotti di cui solo sette abitati. Alicudi, la…
  • Scavi di Ercolano…

    All’ombra dell’arida schiena del formidabile monte (“sterminator Vesevo”…
  • Qualita della vita…

    Sono le ultime arrivate. Ma probabilmente le più apprezzate. Con voto…
  • Il beau vivre di…

    Consacrato alla storia negli Anni Cinquanta grazie a Brigitte Bardot e al…