DAVIDE OLDANI: DOVREMO PROPORRE UNA CUCINA MENO CEREBRALE E PIU' INCLUSIVA

Davide-Oldani 580

Così Davide Oldani, domenica scorsa, ha tenuto compagnia alle centinaia di persone che si sono collegate con il canale Instagram di @identitagolose per l'ormai consueto appuntamento con le interviste di Paolo Marchi, in diretta tutti i giorni alle 16. Oggi vi proponiamo un estratto di quella lunga intervista, iniziata con la quotidianità del patron del D'O: «In questa situazione quanto cucini a casa tua, Davide?», ha domandato il direttore di Identità Golose...

Come sta vivendo questo periodo di fermo?

«Ogni tanto mi metto a fare qualcosa in cucina - ha risposto Oldani - a fare qualche esperimento. Ci sono alcune idee che vorrei riprendere dalle mie vecchie ricette, quelle che arrivano dei grandi maestri, per poi riportarle nella proposta del D'O quando riapriremo. Però ultimamente lascio fare in cucina, mi affido, anche perché è la convivialità, la condivisione, ciò a cui tengo di più, conta più di qualsiasi piatto fine a se stesso. E' importante ricordarselo, anche perché adesso la cucina che siamo obbligati a fare, dipende dall'impegno, che dobbiamo rispettare tutti, di stare a casa il più possibile. Dobbiamo affidarci quindi a una spesa intelligente, che si basi anche su qualche materia prima fresca, ma soprattutto su ingredienti da dispensa, che quindi possiamo acquistare facendo scorte per diversi giorni».

Davide oldani 2580

Sempre pensando alla tua quotidianità in questo momento, mi pare che tu sia uno che si fa la barba ogni mattina, vero?

Sempre. In parte è stato un insegnamento di mio papà, ma ricordo un momento che mi ha segnato in questo senso. Erano le 6:30 di mattina e mi presentai a Le Gavroche per iniziare il mio turno in cucina. Eravamo io e Gordon Ramsey, io ero alle carni e lui ai pesci. Alle 7 arrivò Michel Roux e prese me e Gordon da parte: "Ragazzi, la barba va fatta tutti i giorni", ci disse. Io provai a ribattere che avevo solo 19 anni e che se mi fossi fatto la barba tutti i giorni la mia pelle avrebbe sanguinato. Lui mi rispose: "Davide, non è un mio problema, è un tuo problema. La barba, da domani, tutti i giorni". Per cui dal giorno dopo cominciai ad arrivare in cucina con il colletto della giacca sporco di sangue, però bello rasato. Da lì ho capito quali fossero le regole da mantenere in una cucina.

Cosa ti manca di più del tuo lavoro?

Mi manca tanto quell'adrenalina che mi permetteva, o almeno così pensavo, di essere contento, soddisfatto di me stesso. Quella forza che ti spinge ad andare a mille all'ora: mi manca, ma devo dire che questa pausa di riflessione mi porterà, al rientro, a prenderla con un po' più di filosofia, perché non è vero che più corri più produci, anzi, è esattamente il contrario. Mi mancano tanto le relazioni umane, grazie alla tecnologia riusciamo a vederci e a sentirci, ma mi manca il contatto umano. Mi mancano gli abbracci e strette di mano: nella cucina del D'O abbiamo un nostro rito, che chiamiamo il "terzo tempo": una stretta di mano all'entrata e all'uscita della cucina, quattro volte al giorno, con tutti i ragazzi. Pensare che al rientro dovrò fare attenzione anche a questo mi fa venire la pelle d'oca.

nuovo-tavolo-DO 580

Diventeremo più altruisti in seguito a questa esperienza, secondo te?

Io credo che in parte abbiamo già sbattuto la faccia contro questo problema, e nel brutto della situazione in cui ci troviamo, la cosa bella è che adesso siamo obbligati a essere un po' più altruisti, partendo proprio dalle quattro mura di casa. Perché diventi più altruista con i membri della tua famiglia, e spero che questo venga riportato anche nella futura quotidianità: vorrei una vita che non fosse basata solo sugli aspetti economici. Anche pensando al mio lavoro, credo che nel futuro la cucina dovrà essere lo specchio sincero della personalità di uno chef, più che il tentativo da parte del cuoco di soddisfare questo o quel palato, o di ottenere questo o quel riconoscimento. Credo che avremo meno bisogno di una cucina cerebrale, e molto di più di una cucina in cui l'ingrediente venga rispettato al massimo: la sua tracciabilità, la sua conservazione, come viene servito. Rispetto dell'ingrediente e del cliente.

Pensi che ti dedicherai al delivery nel prossimo futuro?

No, sono fermamente contrario. Sono altrettanto favorevole invece al delivery per i prodotti, per la materia prima. Ma per quanto riguarda la cucina cucinata, quella che esprime l'anima del nostro ristorante, sono contrario.
Ristoratori come Bottura stanno invece mettendo in campo delle specie di futures, acquisti a prezzi speciali di prenotazioni per il futuro, per quando i locali riapriranno.

nasello-Oldani 580

Ci penserai anche tu?

Anche in questo caso, non sono d'accordo, per cui no. Una cosa che amo del nostro lavoro, e che credo sia una fortuna per noi ristoratori, è che noi diamo un prodotto e veniamo pagati al momento. Oltre a questo, eticamente, per l'educazione che ho ricevuto, non mi sentirei di organizzare una cosa di questo genere. In questi giorni è successa ad esempio una cosa molto simpatica, che voglio raccontare. Io passo le giornate qui, tra l'ufficio e il laboratorio, e da qui sento il telefono del ristorante che squilla. E succede molto spesso. Ieri sera, essendo una persona curiosa, sono andato a rispondere. Dall'altra parte c'era una signora, le ho detto: "Sono Davide Oldani, come posso aiutarla? Siamo chiusi, perché ci sta chiamando?". Mi ha risposto: "Ho chiamato soltanto perché nel nero di tutti giorni volevo avere un raggio di sole". E mi chiedeva di poter avere un tavolo per settembre, oppure ottobre o ancora novembre. Io però non mi sono sentito di dire che glielo davo, perché siamo ancora nelle mani di Dio. Questo è l'atteggiamento che ritengo più valido per me.

Che consigli daresti oggi ai tanti ristoratori in difficoltà?

Sicuramente consiglio loro di stare tranquilli. Mi viene in mente quello che mi dice ancora mia madre ogni mattina: "L'uomo propone e Dio dispone". Me lo dice soprattutto quando mi vede un po' su di giri, o agitato o troppo entusiasta. Oggi darei soprattutto dei consigli da psicologo, così come sono abituato a fare anche con i miei ragazzi: l'unica cosa è godersi le giornate, vivere, pensando che dopo dovremo mettere in campo non più una cucina cerebrale, ma una cucina che faccia avvicinare la gente, che sia inclusiva e non esclusiva. Questo credo che tutti i ristoranti d'Italia lo sappiano fare.

cotto-crudo-pomodoro-Oldani 580

Articolo pubblicato su News Letter di Identità Golose 580 del 21.04.2020 a cura di Camillo Pisano

Share
comments

Ristoranti

  • E TU CHIAMALE, SE…

    Ad Arco, a due passi dalla sponda trentina del Lago di Garda, là dove un…
  • IDENTITÀ GOLOSE ON…

    Il mondo è cambiato. Sono diverse le nostre prospettive, persino il modo in…
  • AL RISTORANTE LINO…

    Il Ristorante Lino, nel centro storico di Pavia, amplia gli spazi e…
  • IL LUOGO DI AIMO E…

    Un'istituzione della cucina d'autore italiana che ogni anno, grazie al…
  • EMANUELE PETROSINO…

    Riceziamo da Ezio Zigliani Press Office & PR e volentieri pubblichiamo.…
  • IDENTITÀ GOLOSE…

    Riceviamo da Identità Golose e volentieri pubblichiamo. Una rinascita: non…
  • RISTORANTE LA…

    Ho conosciuto Roberto Magnani qualche mese fa a Milano nel ristorante di…
  • DON ALFONSO…

    Fu lo scrittore e sceneggiatore statunitense Gore Vidal a portare Ancel e…
  • GUSTO E BENESSERE…

    The Thinking TravellerSito: https://www.thethinkingtraveller.com Fondata…
  • AIUTATECI AD…

    In questi giorni, durante i quali è importante rimanere a casa per la…
  • DAVIDE OLDANI:…

    Così Davide Oldani, domenica scorsa, ha tenuto compagnia alle centinaia di…
  • MORENO CEDRONI,…

    Moreno Cedroni: «L'augurio è che tu possa trovare al tuo ritorno una…
  • PAOLO MARCHI A TU…

    Il cuoco che spopola a Londra e a Masterchef Italia si concede in una lunga…
  • PAOLO MARCHI, IL…

    Ieri sera Marianna Vitale, chef di Sud a Quarto vicino Napoli, ha postato…
  • FLORIAN MAISON…

    Lo Chef stellato Umberto De Martino sostiene la Croce Rossa Italiana con un…
  • I RACCONTI DI…

    Beniamino, sommelier campano di adozione milanese, dopo una vita nel mondo…
  • LA CUCINA DEI…

    Un incrocio fra arte, cultura e tradizioni gourmand. La Cucina dei…
  • RISTORANTE TOLA…

    Il nome arriva da "tabula rasa" ovvero buttare via il passato verso una…
  • LO CHEF TANO…

    Inaugurata ieri la nuova sede milanese di Tano Passami l'Olio, storico…
  • AIMO E NADIA, LE…

    Le novità d'autunnoDalla settimana della cucina italiana in Giappone, al…
  • OSTERIA BUONA…

    Che la Brianza sia solo un susseguirsi di capannoni e fabbrichette è un…
  • OSTERIA AL…

    Quasi quattro secoli di storia e un nome che ne ricorda le antiche origini:…
  • RISTORANTE…

    Di Camillo Pisano Finalmente mi sono deciso: pur se con qualche anno di…
  • INAUGURATA TACOS…

    Sabato 14 settembre a Milano, nei giorni di festa nazionale per…
  • Asina Luna, carne…

    Finalmente mi sono deciso e sono andato a mangiare al ristorante Asina Luna…
  • La Cucina dei…

    "Chi viene nel mio ristorante deve rimanere contento". A dirlo è Marco…
  • Villa Crespi, il…

    La storica e affascinante architettura moresca e i sapori del suo…
  • Voce Aimo e Nadia,…

    Ha da poco aperto a Milano Voce Aimo e Nadia, uno spazio in cui cultura ed…
  • 1883 Restaurant &…

    Doppia "erre", doppia ospitalità. Ristorante delizioso e sei accoglienti…
  • Evo Hosteria,…

    Giovanni Russo ha aperto a Roma la sua Evo Hosteria, in via Garibaldi, 50…
  • Heinz Beck apre al…

    Il Brown's Hotel, l'iconico 5 stelle di Rocco Forte Hotels nel quartiere di…
  • Unico Milano, a…

    È il ristorante più alto di Milano e appena si entra lo sguardo spazia…
  • Zago Wine Bar con…

    Un pesce crudo e un fritto di altissimo livello. Da parecchio tempo alcuni…
  • Stella Michelin a…

    Il Refettorio del Monastero Santa Rosa da ieri si fregia dell'ambitissima…
  • Stella Michelin…

    È decisamente l'anno dello chef Andrea Ribaldone. Dopo essersi visto…
  • Prima candelina per…

    Replay, storico marchio di denim nato nel 1981, festeggia il primo anno del…
  • La Corte Gourmet di…

    Tra Venezia e Cortina, lungo la Strada del Prosecco arriviamo a Follina,…
  • Heinz Beck, lo chef…

    Probabilmente pochi sanno che a far sì che Heinz Beck, chef tedesco…
  • La buona cucina…

    "Oggi il mio Sunrise è più bello, funzionale e... attento all'ambiente. Nel…
  • Tosto, un…

    Una sala lunga e stretta dai soffitti a botte, in mattoni, affiancata da…
  • Ristorante Albergo…

    Avete mai chiesto a qualcuno di provare a descrivere il paradiso? C'è chi…
  • Bacco e Arianna,…

    Giacomo Leporati con la moglie Adriana e Gianni Musso sono l'anima di Bacco…
  • Hostaria La…

    A guardare l'anonima palazzina in cui è ospitata, pochi scommetterebbero…
  • Al Pont de Ferr, la…

    Si definisce osteria con cucina ma la si potrebbe definire una "enoteca…
  • 202 The Grill, un…

    La globalizzazione avanza. Anche in tavola. Per togliersi ogni dubbio basta…
  • Niko Romito, tre…

    Il 2013 sarà un anno indimenticabile per lo chef Niko Romito: nominato…
  • Fabio Baldassare,…

    Ha raggiunto vette altissime con la sua cucina e non solo. Fabio…
  • Pascia, i frutti di…

    Amore per la cucina e passione per la ricerca, sono i preziosi ingredienti…
  • I Girasoli di Matino

    C'è un po' di Roma nel cuore del Salento. Visto che Vincenzo, il…
  • Locanda Margon,…

    Pur dominato da alti monti, Trento, capoluogo di provincia e della regione…
  • Il Capestrano, un…

    Da milanese amo l'Abruzzo e ho nostalgia delle belle giornate, sempre…
  • Da Claudio, l'amore…

    Claudio Pasquarelli ama il mare, come adora la sua vita. Proprio di questo…
  • HOTEL CRISTALLO…

    Torna la rassegna "In punta di forchetta": lo chef di "casa", Marco…