Verso la razionalità

 

Verso-S_-_est_16In attesa della nuova generazione della popolarissima Yaris, Toyota si affida alla Verso-S che ne segna il ritorno all'interno del mercato B-MPV, un segmento creato proprio dal marchio giapponese nel 1999 con l'introduzione della Yaris Verso. L’appellativo “Verso” la Toyota l’ha sempre riservato a modelli ben lontani da suscitare emozioni ma di pieni di risorse: grandi, spaziosi, versatili. Sono state “Verso” la Corolla, l'Avensis e anche la Yaris, al punto che Verso è diventato un modello a se stante.

La sfida ora è fare meglio, sostituendo un'auto riuscitissima (la prova è che le Verso usate non si trovano, perchè chi le ha se le tiene strette) con un modello tutto nuovo. Rispetto alla progenitrice, Verso-S aumenta in dimensioni, ma senza superare la soglia dei 4 metri, sembra ancora più grande e comoda dentro. Scolpita e angolosa, pulita nello stile, geniale nel sistema Easyflat che permette di abbattere gli schienali dei sedili posteriori con un solo gesto, generosissima nel bagagliaio da 429 litri.

Piacevole la prima sensazione al volante: la Verso-S conta su due motori, un 1.3 Dual VVT-i a benzina da 100 CV e un 1.4 turbodiesel da 90 CV, entrambi con basse emissioni e ottimi consumi: dato quest'ultimo, migliorabile grazie ai due tipi di trasmissione automatica disponibili come optional. Di serie invece per tutte le versioni ci sono 7 airbag, alzacristalli anteriori elettrici, servosterzo elettrico, sistema audio radio/CD/MP3 con 4 altoparlanti e porta USB, climatizzatore manuale, VSC+, ABS, EBD e BA.

plancia_versoLa carrozzeria non ha uno stile molto originale, ma punta piuttosto sulla razionalità: porte grandi, passo lungo (255 cm) per aumentare lo spazio interno, linea di cintura bassa a favore di una miglior visibilità e percezione degli ingombri. E un vano di carico che consente di affrontare lunghi week-end senza dover tremare al pensiero di aver fatto troppe valigie.

Dentro la Verso-S è luminosa: di grande effetto il tetto di cristallo (opzionale in pacchetto insieme al clima automatico, 1.000 euro in tutto) che va dal parabrezza al lunotto: in una bella giornata sembra di guidare una cabrio. Costruita in Giappone, è commercializzata con un prezzo  di 14.500 euro per la versione base a benzina, e 16.000 euro per la base diesel.


Alberto Caprotti

Share
comments

Motori

  • Buon compleanno 500!

    La Fiat 500 compie 60 anni e li festeggia durante il più importante…
  • Nuova 500 Blu sera

    Una sinergia frutto di una scelta reciproca, questo il legame che lega Fiat…
  • #Exhibition Vespa:…

    Un mito italiano che ha conquistato il mondo e accompagnato la gioventù di…
  • Citroen C4 Cactus,…

    Via il superfluo, resta il design. Il marchio francese inaugura una formula…
  • Fiat 500X, l'Italia…

    Non è facile che una nuova automobile tolga i veli provocando un applauso…
  • Slow Drive, 007…

    Vestire per un giorno i panni del Daniel Craig del film "Quantum of Solace"…
  • Rinasce la Jaguar…

    Dopo la Mille Miglia, la storica gara di macchine d'epoca che si è conclusa…
  • La bellezza…

    Milano AutoClassica, il prestigioso Salone di auto d'epoca giunto alla…
  • Harley, vacanze…

    Una carovana di moto americane stanno per invadere la Città Eterna per la…
  • Opel Ampera, la…

    Strana lo è, inutile negarlo. Per forme e tipologia di alimentazione. Ma è…
  • L'auto col punto…

    Si chiama proprio così,con il punto esclamativo finale. Che in realtà deve…
  • Verso la razionalità

    In attesa della nuova generazione della popolarissima Yaris, Toyota si…
  • Icona Mercedes

    Viste & Provate Per la nuova generazione della Classe C, il modello più…