Clementine di Calabria IGP, le succose

clementine di calabriaigp580

Punta dello stivale italico, la Calabria è una regione dell'Italia meridionale il cui capoluogo è Catanzaro. Nei tempi antichi, le terre dell'attuale regione erano conosciute come Italia.

Qui sorsero per molti secoli importanti e floride colonie greche così magnificenti da guadagnarsi l'appellativo di Magna Grecia, così importanti da superare, in alcuni casi, la stessa madrepatria.

Bagnata da due mari, il Tirreno e lo Ionio, la Calabria è caratterizzata da un clima mediterraneo e un territorio per lo più collinare con rare pianure, le più importanti fra le quali sono quelle di Sibari, Sant'Eufemia e Gioia Tauro.

E' anche in queste zone che vengono coltivate le Clementine di Calabria IGP, frutti dalla forma sferoidale leggermente schiacciata ai poli, con calibro minimo da 16-18 millimetri.

clementine calabria.jpg580

La buccia appare liscia, di colore arancio scuro, con numerose ghiandole oleifere (le piccole sacche che si trovano sulla buccia degli agrumi e che contengono gli oli essenziali, responsabili dei profumi).

Il frutto è caratterizzato da assenza di semi o da un numero esiguo di essi. La polpa è succosa e facile da sbucciare, ha anche un ottimo equilibrio fra zuccheri ed acidi. È un ibrido fra l’arancio amaro e il mandarino comune.

Cenni storici
La clementina è nata da un ibrido fra il mandarino "Havana" e l'arancio amaro Granito, rinvenuto nell'orto di un orfanotrofio di Misserghin in Algeria all'inizio del secolo al seguito di semine dirette effettuate da padre Clement Rodier (dal quale ha tratto il nome).

La coltivazione delle clementine si è diffusa tra il 1930 ed il 1950 in Calabria, dove questo agrume ha trovato il suo habitat naturale.

clementine calabria.jpg580a

La zona di produzione
L'area di coltivazione delle clemetine colmprende il territorio di numerosi comuni. Nella provincia di Cosenza: Cassano Jonio, Castrovillari, Corigliano Calabro, Crosia, Francavilla Marittima, San Lorenzo del Vallo, Spezzano Albanese, Terranova da Sibari, Trebisacce, Vaccarizzo Albanese, Rossano, Saracena, Cariati, Calopezzati, S. Demetrio Corona, San Giorgio Albanese.

Per la provincia di Reggio Calabria: Ardore, Benestare, Bianco, Bovalino, Brancaleone, Casignana, Caulonia, Ferruzzano, Locri, Marina di Gioiosa Jonica, Monasterace, Portigliola, Roccella Jonica, Sant'Ilario dello Jonio, Siderno, Rizziconi, Gioia Tauro, Palmi, Rosarno, S. Ferdinando.

Per la provincia di Catanzaro: Borgia, Botricello, Curinga, Lamezia Terme, Maida Montauro, Montepaone, San Floro, San Pietro a Maida, Sant'Andrea Apostolo dello Jonio, Sellia Marina, Simeri Crichi, Soverato, Squillace, Catanzaro.

Per la provincia di Vibo Valentia: Briatico, Francavilla Angitola, Limbadi, Nicotera, Pizzo; e infine per la provincia di Crotone i comuni di Cirò Marina, Crucoli Torretta, Rocca di Neto.

clementine di calabriaigp580c

Caratteristiche e impieghi
Possono essere consumate al naturale o impiegate per preparare sorbetti, succhi, sciroppi e marmellate. Considerato l’elevato contenuto di vitamina C, è sufficiente consumare uno o due frutti per coprire il fabbisogno giornaliero di una persona adulta.

Le clementine, inoltre sono ricche di minerali. Tra cui il più importante è il potassio, che svolge un importante ruolo regolando il tenore di acqua nei tessuti e agendo sul funzionamento del cuore.

Consorzio per la Tutela delle Clementine di Calabria IGP
c/o Osservatorio Fitopatologico,
Porto di Corigliano Calabro
87064 Corigliano Calabro (CS)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  



 

Share
comments

Altri prodotti DOP IGP