• MILANO, LA MOSTRA DI GIAN PAOLO BARBIERI: UNCONVENTIONAL, DAL 29 NOVEMBRE 2022 AL 25 MARZO 2023
    MILANO, LA MOSTRA DI GIAN PAOLO BARBIERI: UNCONVENTIONAL, DAL 29 NOVEMBRE 2022 AL 25 MARZO 2023
  • URBINO, CASTELLO DUCALE, MOSTRA  ALLE SALE DEL CASTELLARE FINO L'8 GENNAIO 2023
    URBINO, CASTELLO DUCALE, MOSTRA ALLE SALE DEL CASTELLARE FINO L'8 GENNAIO 2023
  •  KANDINSKY E LE AVANGUARDIE FINO AL 21 FEBBRAIO 2023 AL CENTRO CULTURALE CANDIANI DI MESTRE
    KANDINSKY E LE AVANGUARDIE FINO AL 21 FEBBRAIO 2023 AL CENTRO CULTURALE CANDIANI DI MESTRE

Seguici su...

fbINtwitteryoutubepinterest

Flash news

BERNADETTE BEVACQUA NOMINATA CEO DI SPERLARI

Cambio ai vertici di Sperlari, azienda fondata nel 1836 e attiva nella produzione di torrone, mostarda e caramelle con diversi brand. In qualità di CEO è stata nominata Bernadette Bevacqua.

IN CALO LA PRODUZIONE MONDIALE DEL VINO

La produzione mondiale di vino nel 2022 si stima possa raggiungere circa i 260 milioni di ettolitri, registrando, per il quarto anno consecutivo, un livello inferiore alla media. Già l'anno scorso la produzione di vino 2021 poteva essere "considerata estremamente bassa".

ACCADEMIA DEL LUSSO INAUGURA NUOVI PERCORSI DI STUDI

A partire da quest'anno la scuola di alta formazione nell'area fashion & luxury introduce un nuovo percorso di 'Shoes and accessories design' rivolto a coloro che vogliono specializzarsi nel design degli accessori in chiave ecosostenibile.

CRESCE LA GRANDE FAMIGLIA DI COMPAGNIA DEI CARAIBI

Arriva dalla Spagna il nuovo brand che arricchisce con gin e mezcal il catalogo del gruppo piemontese.

VELIER COMPIE 50ANNI

Velier e Billecart-Salmon festeggiano il loro cinquantesimo anniversario di matrimonio con una bottiglia di Blanc de Blancs vintage 2010.

A CAMPARI GROUP PIACE IL WHISKEY

Dopo il recente ingresso in Howler Head, Campari entra anche in Wilderness Trail Distillery.

IL SIDRO DI MELE DELLA VAL DI NON

sidro di mele casagrande 1 itin 22 570

A Tres (Predaia) nel regno di Melinda Lucia Maria Melchiori ha creato con il marito Alberto Corazzolla e il figlio Matteo un piccolo impero legato al mondo di Sua Maestà la mela di montagna

Benvenuti in Alta Valle di Non, a Tres, per la precisione, località di poche anime sull'altopiano della Predaia ormai famosa in tutto il mondo grazie ad una imprenditrice lungimirante, Lucia Maria Melchiori, che agli inizi degli anni Novanta, con il marito Alberto e il figlio Matteo ha creato nel regno di Melinda un piccolo impero legato alle mele. Mele di montagna (da Sua Maestà la Renetta alle Golden, dalla Granny Smith alla Pink Lady, dalla Gala alla Jonogold) croccanti e saporite, che vengono trasformate ancora fresche ed intere, senza conservanti, additivi e zuccheri aggiunti, in autentici peccati di gola: dai succhi agli sciroppi, dagli aceti al sidro. Ed è proprio di quest'ultima bevanda, di origine antichissima, poco conosciuta e valorizzata in Italia, che oggi intendiamo parlare.

Il sidro in Italia sopravvive in poche realtà dell'arco alpino

"Sidro" in italiano, "cidre" in francese, "cider" in inglese, "Apfelwein" in tedesco, "sidra" (rigorosamente al femminile) in spagnolo. In Italia, terra del vino per antonomasia, l'antica bevanda popolare ottenuta dalla fermentazione del succo di mela, un tempo era molto diffusa soprattutto al Nord (Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli, Lombardia, Piemonte), ma poi è andata scomparendo durante il periodo della dittatura fascista a causa di una norma che vietava la produzione industriale di bevande spiritose al di sotto dei 7 gradi alcolici. Tale provvedimento aveva lo scopo di incentivare il consumo del vino. Risultato: la scomparsa quasi totale della produzione di questa bevanda che ormai sopravvive solo in poche realtà dell'arco alpino.

In Spagna il simpatico rito dell'"escanciar" la sidra nel bicchiere

sidro di mele casagrande 4 itin 22 570

Poc'anzi parlavo della "sidra", una bevanda moderatamente alcolica che amo da quando in occasione delle mie frequenti trasferte enogastronomiche in Spagna, in particolare nelle Asturie, in Cantabria, nei Paesi Baschi, in Galizia, mi lascio trascinare dal rito del "tapear", una sorta di processione laica, di bar in bar, dove sui banconi troneggiano le "tapas" o "pinchos", peccaminosi stuzzichini da accompagnare con la sidra che i camerieri versano nel bicchiere dall'alto secondo un antico rituale e una tecnica dal nome emblematico "escanciar". L'impatto sul bicchiere - a detta degli esperti - serve a stimolare l'anidride carbonica che si sviluppa durante la fermentazione delle mele. In pratica senza questo gesto dall'alto, la sidra perderebbe tutto il suo sapore.

Il sidro vanta origini antichissime: dagli ebrei ai popoli celtici

In Europa il sidro vanta molti estimatori tra i buongustai, in particolare in Spagna, dove la "sidra" viene proposta come alternativa al vino anche in molti ristoranti, in Francia (Bretagna, Normandia, Loira, Savoia), in Inghilterra, in Germania. Ma è apprezzato anche in Russia, in Canada, negli Stati Uniti, in Asia, Nuova Zelanda, Australia, Sudafrica. A questo punto ci chiediamo dove e quando questa antica bevanda è stata consumata per la prima volta. L'origine è sicuramente antichissima. La Bibbia documenta come gli ebrei (2.800 avanti Cristo) amassero mescolare il miele con il sidro.

Nel Nord Europa, invece, il sidro era, assieme alla birra (la "cervogia"), l'unica bevanda alcolica fermentata e divenne ben presto, soprattutto tra le popolazioni celtiche, una bevanda nazionale, al punto che le ricette per la produzione del sidro erano gelosamente custodite dai sacerdoti druidi. Nel Medioevo, in particolare nelle abbazie, la coltivazione della mela raggiunse notevoli dimensioni. Persino Dom Pierre Pérignon, il monaco benedettino cui è attribuita la nascita dello Champagne, nel 1683 si sarebbe ispirato alla produzione sperimentale di un sidro addizionato di saccarosio per ottenere le bollicine più famose del mondo.

Lucia Maria Melchiori, la reginetta trentina del sidro

fornitori-trasformazione-di-mele_crs2 itin 22 570.jpg

Ma veniamo ai giorni nostri. Da qualche anno (inizi del Duemila) il sidro sta vivendo un vero e proprio Rinascimento anche in Italia grazie soprattutto ad alcuni imprenditori nostalgici della Valle d'Aosta, della Valle Varaita (Cuneo), della Carnia, della Valtellina, della Val di Non. In Trentino il merito di aver riscoperto e lanciato questa antica bevanda è di una donna vulcanica, Lucia Maria Melchiori, ribattezzata la reginetta del sidro, dei succhi di mela, degli aceti balsamici, dei distillati e della birra artigianale.

Con i consigli del marito Alberto Corazzolla e con l'entusiasmo del figlio Matteo, il "cidermaker" dell'azienda, a Tres ha creato un'azienda modello dotata delle più moderne tecnologie, che trasforma le mele del Trentino-Alto Adige rigorosamente selezionate in una gamma di prodotti certificati bio a livello europeo: succo di mele (meglio "spremuta" di mele come recita l'etichetta, una bontà), "fior" di mela con lo zenzero, con il bergamotto, con la pera, con il mirtillo, con la carota, con il sambuco. Ed ancora: aceti di mele, aceti aromatizzati, aceti dietetici da bere, sciroppi, sidro in più versioni. Tutti prodotti che hanno ottenuto la certificazione "Kosher" in conformità alla legge ebraica e la certificazione "Halal" secondo i dettami delle leggi islamiche.

Dal piccolo negozio di alimentari nel 1994 nasce la Sidreria

Per anni Lucia Maria Melchiori e il marito Alberto Corazzolla, l'ultimo sindaco di Tres prima della fusione nella nuova realtà amministrativa di Predaia, avevano gestito il piccolo negozio di generi alimentari dei genitori. "Avendo notato - confessano - che stava aumentando il consumo di aceto di mela, in prevalenza di provenienza straniera, ci siamo detti: perchè non proviamo anche noi che viviamo in mezzo alle mele a fare questo aceto?". Detto fatto, dopo le prime prove nel garage di casa, Alberto e Lucia Maria hanno affittato un piccolo capannone dove con alcuni macchinari artigianali hanno cominciato a spremere le mele.

Era il 1994. Doveva essere un hobby, una sorta di dopolavoro. Ma il successo fu tale che quattro anni dopo furono costretti a trasferirsi in una nuova sede, più ampia e funzionale, poi successivamente ampliata in seguito alle pressanti richieste di un mercato che chiedeva nuovi prodotti, non solo per l'aceto di mele e per il balsamico, ma anche per i succhi, gli sciroppi e per il sidro, tutti prodotti ottenuti da mele coltivate in Val di Non da seimila famiglie, oltre che in altre vallate trentine e in Alto Adige seguendo le direttive e le certificazioni bio europee.

Succhi, aceti di mela, sidro e birre: boom di richieste anche all'estero

sidro di mele casagrande 2 itin 22 570.jpg

"Per essere certi della qualità della frutta che trasformiamo in azienda - sottolineano i titolari - effettuiamo visite periodiche di controllo presso i produttori e una serie di analisi a campione. Solo così possiamo assicurare ai nostri clienti la genuità del prodotto". Attualmente il mercato di riferimento della famiglia Melchiori è quello italiano (Ho.Re.Ca. e Grande Distribuzione Organizzata), ma è in crescita anche l'export. "Per quanto riguarda il sidro, in particolare - racconta il "cidermaker" Matteo - stiamo assistendo ad un vero e proprio boom. Lo notiamo anche nel nostro ristorante annesso alla Sidreria e inaugurato nel 2014". Il sidro è una bevanda moderatamente alcolica poco nota in Italia (i produttori sono pochi), ma il suo consumo comincia a fare breccia soprattutto tra i giovani.

"Il nostro sidro è molto apprezzato nel Regno Unito, ma scommettiamo anche sul mercato degli Stati Uniti, del Giappone e persino dell'Australia" confessano con un pizzico di giustificato orgoglio Alberto, Lucia Maria e il figlio Matteo che, oltre al sidro, settore sempre più importante per l'azienda assieme ai succhi, si diverte a produrre anche alcune birre artigianali non filtrate: la Predaia, la Bionda Trentina Hell, la Weizen Trentina, la Pura gluten free, la Bianca Trentina Blanche, la Rossa Trentina Pale Ale, la Brusca Ipa, la Tovel Lake Pilsner, la Pombier Apple Rader, la Cherubina. Una birra quest'ultima prodotta con malto trentino e luppolo della Val di Non che la famiglia ha voluto dedicare alla nonna, donna d'altri tempi che amava le bellezze del creato e le cose semplici che Madre Natura ci regala: le bacche, le erbe aromatiche, i funghi, i cereali, la frutta antica.

Nella versione tradizionale il sidro ricorda la tecnica spumantistica del Prosecco.

Il sidro (nella versione tradizionale o aromatizzata ai mirtilli, al sambuco, allo zenzero) è prodotto con il metodo ancestrale "sur lie" della rifermentazione in bottiglia o in autoclave con il metodo Charmat-Martinotti seguendo le tecniche spumantistiche che ricordano la lavorazione del Prosecco (da qui la scelta di affidarsi come consulente a Loris Dall'Acqua, enologo di Col Vetoraz, la pluripremiata azienda agricola di Santo Stefano di Valdobbiadene). Il risultato è una bevanda piacevolissima, fresca, leggermente frizzante, di media gradazione alcolica, dal profumo inebriante e dal sapore fruttato. Ottimo come aperitivo, il sidro è gradevolissimo anche a tavola per accompagnare antipasti, primi piatti, ma anche pietanze più impegnative. Fuori pasto va bevuto freddo (temperatura consigliata 8 gradi) ed è ideale anche come «spritz» con lo sciroppo di sambuco e alcune foglioline di menta o con il gin o altri sciroppi.

Il sidro dell'azienda è prodotto con un lievito autoctono di fiori di melo

sidro di mele casagrande 3 itin 22 570.jpg

Con l'ingresso in azienda del figlio Matteo la Sidreria Melchiori ha investito molto in ricerca e sviluppo valorizzando il prodotto con l'installazione di nuove tecnologie in cantina: alcune autoclavi da 100 ettolitri e una moderna linea di imbottigliamento che consentono di migliorare la qualità e l'eleganza del prodotto. Oggi l'azienda dà lavoro a trenta persone e produce oltre 6 milioni di bottiglie (un milione e 200 mila di sidro) oltre ai bag in box. L'ultima chicca è la scoperta di un lievito autoctono ottenuto dopo una ricerca condotta da Paola Sicher sui fiori di melo e che consente di valorizzare ancor più la territorialità di cui va fiera (giustamente) la famiglia Melchiori.

Trovato nei pressi del lago di Santa Giustina il lievito, ribattezzato LuciaPaola, viene utilizzato per tutte le produzioni di sidro. Di pochi giorni fa, infine, è la presentazione da parte del "cidermaker" Matteo di due nuove tipologie di sidro rifermentato in bottiglia: una Cuvée metodo classico di mele autunnali e un sidro metodo ancestrale monovarietale di Renetta del Canada. Nei giorni scorsi ho assaggiato entrambi al Ristorante Sidreria Melchiori con un tagliere di affettati, formaggi e i classici "tortei" di patate tipici della Val di Non. Chapeau sia per il sidro (proposto anche alla spina) che per i "tortei".

Prestigioso riconoscimento al "Festival della sidra" di Gijon nelle Asturie

Qualche anno fa alla "Exposición internacional de la Sidra natural" di Gijon, città bohémien sulla costa atlantica del principato delle Asturie, famosa per i monumentali alberi creati con migliaia di bottiglie di sidro (è una delle tappe obbligate quando mi reco nella vicinissima Villaviciosa, capitale spagnola di questa bevanda), Lucia Maria Melchiori ha sbaragliato il campo imponendosi come il miglior sidro del mondo nei confronti di analoghe bevande presentate dai produttori di altri Paesi, Spagna compresa naturalmente. Un motivo d'orgoglio per il Trentino e per la Valle di Non. Prosit.

Share
comments

EVENTI

SANTA MASSENZA (TN), LA MAGIA DEGLI ALAMBICCHI ACCESI DALL'8 ALL'11 DICEMBRE 2022

A Santa Massenza, culla della grappa artigianale trentina, ritorna (da giovedì 8 a dome....

TORINO WINE WEEK,TORNA CON

Il miglior modo di celebrare l'arrivo dell'inverno è gustarne il sapore e poterlo esalt....

BOLOGNA, GRAND HOTEL MAJESTIC, BEBA MARSANO PRESENTA IL SUO LIBRO IN ANTEPRIMA L'11 NOVEMBRE

Il prossimo 11 novembre Beba Marsano sarà ospite del 5 stelle Lusso bolognese, per pres....

IL FESTIVAL DELLA CIPOLLA DI TROPEA A CAMPORA SAN GIOVANNI (CS), IL 6 NOVEMBRE

Itinerante nei territori per continuare a raccontare la Destinazione Calabria attraverso....

GOLOSARIA INIZIA DAI TERRITORI, DAL 5 AL 7 NOVEMBRE A MILANO

La distinzione è anche frutto di una storia e di un rapporto con il territorio. Saperlo....

VERONA,124ª EDIZIONE DI FIERACAVALLI, APPUNTAMENTO SPECIALE CON SAPORI DI RAZZA, DAL 3 AL 6 NOVEMBRE

Appuntamento speciale quest'anno con la prima edizione del concorso Sapori di Razza. Due....

TORNA L' EDIZIONE NUMERO 31 DI MERANO WINE FESTIVAL,DAL 4 ALL'8 NOVEMBRE

Conto alla rovescia per il 31° Merano WineFestival che aprirà i battenti giovedì pros....

ESERCIZI IN UN BOCCONE, IL 29 E 30 OTTOBRE AD AMELIA (TR)

Con il mini festival “Esercizi in un Boccone”, che si terrà sabato 29 e domenica 30....

FESTA DEL BOSCO A MONTONE (PG), DAL 29 OTTOBRE ALL'1 NOVEMBRE

Caldarroste, funghi e tartufi. E’ festa… del Bosco a Montone dal 29 ottobre al 1 nov....

LA SAGRA DELLA BRUSCHETTA A CASAPROTA (RI), IL 22 E 23 OTTOBRE

Più speciale di così, la Sagra della Bruschetta di Casaprota non poteva essere! Olio a....

CHERASCO (CN), TORNA

Sabato 22 e domenica 23 ottobre 2022 Cherasco mette in piazza le proprie eccellenze rist....

INCONTRI DI GUSTO, CENA A QUATTRO MANI DEGLI CHEF DANIEL CANZIAN E SAIMIR XHAXHAJ, IL 19 OTTOBRE

In arrivo il secondo appuntamento con Incontri di Gusto, la cena a quattro mani firmata ....

EMILIA FOOD EXPERIENCE: IL 18 OTTOBRE LA FOOD VALLEY TRA PARMA, PIACENZA E REGGIO EMILIA RACCONTATA SU FOOD NETWORK

Martedì 18 ottobre, dalle 22.00 in onda su Food Network canale 33 del gruppo Warner Bro....

FESTA DELLA MELA DI CASTEL DEL GIUDICE (IS), IL 15 E 16 OTTOBRE

Sabato 15 e Domenica 16 Ottobre 2022 una nuova Edizione Esperienziale nel paese dello sv....

50 SFUMATURE DI PINOT NOIR, TERZA EDIZIONE IL 15 E 16 OTTOBRE

Ad uno dei vitigni più famosi al mondo, il PINOT NOIR è dedicato questo Festival del g....

FUNGO IN SAGRA A CAMIGLIATELLO SILANO (CS), DAL 13 AL 30 OTTOBRE

Sarà ancora una volta, per i palati sopraffini, la Sagra del Fungo a Camigliatello Sila....

EUROCHOCOLATE INDOOR, IL GRANDE SHOW DEL CIOCCOLATO DAL 14 AL 23 OTTOBRE

Dopo il grande successo della prima edizione indoor Eurochocolate svela tutti i dettagli....

AL VIA TTG LA PRINCIPALE FIERA DEL TURISMO IN ITALIA, DAL 12 AL 14 OTTOBRE A RIMINI

A Rimini la 59esima edizione di TTG Travel Experience, la principale fiera del turismo i....

ROMA, STREET ART FOR RIGHTS, DAL 15 AL 30 OTTOBRE 2022

Dal 15 al 30 ottobre 2022 con Natalia Rak, Etnik, Manuela Merlo, Attorep, Fabio Pet....

MODENA, ATTVITÀ DI GUSTO E ARTE DAL 7 AL 9 OTTOBRE

Attività di gusto e arte in Piazza Roma a Modena e nel Cortile d'Onore del Castello dei....

LIBRI DA LEGGERE

Il piacere

  • IL 6 DICEMBRE 2022 A STRISCIA LA NOTIZIA NELLA RUBRICA
    IL 6 DICEMBRE 2022 A STRISCIA LA NOTIZIA NELLA RUBRICA "CAPOLAVORI ITALIANI IN CUCINA" I "PASSATELLI AFFUMICATI IN BRODO DI VERZA TOSTATA, SEMI DI ZUCCA E SOIA"
  • UNIONE RISTORANTI BUON RICORDO, SONO 108 I LOCALI DI QUALITÀ RICONOSCIUTA
    UNIONE RISTORANTI BUON RICORDO, SONO 108 I LOCALI DI QUALITÀ RICONOSCIUTA
  • TENUTA DEL BUONAMICO, IL DOLCE PROFILO DELLA CAMPAGNA TOSCANA
    TENUTA DEL BUONAMICO, IL DOLCE PROFILO DELLA CAMPAGNA TOSCANA
  • DON PAPA GAYUMA, IL RUM DEDICATO AGLI SCIAMANI
    DON PAPA GAYUMA, IL RUM DEDICATO AGLI SCIAMANI
  • TUTTI I SAPORI DEL NATALE LOISON
    TUTTI I SAPORI DEL NATALE LOISON
  • BOTTEGA S.P.A., FONDATA NEL 1977 FESTEGGIA 45 ANNI DI STORIA
    BOTTEGA S.P.A., FONDATA NEL 1977 FESTEGGIA 45 ANNI DI STORIA
  • BOLZANO, ARRIVA LA MAGIA DEL MERCATINO DI NATALE
    BOLZANO, ARRIVA LA MAGIA DEL MERCATINO DI NATALE
  • I PRODOTTI FRESCHI DI DICEMBRE
    I PRODOTTI FRESCHI DI DICEMBRE

SAPERNE DI PIU'

LA SCUOLA DEL CUOIO DONA AI DIPENDENTI L'UTILE DELL'ESERCIZIO 2022

 

La Scuola del Cuoio di Firenze chiude il 2022 con un Fatturato in crescita oltre ogni a....

IL 2 DICEMBRE 2022 A STRISCIA LA NOTIZIA NELLA RUBRICA

Stasera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) torna la rubrica "Paesi, paesaggi...". Da....

L'AZIENDA BOTTEGA COLPITA DALLA MALAGIUSTIZIA

La Cassazione Penale conferma il reato di uso dei segni ingannevoli, ma Santero viene proscio....

PAOLO COSMI, IL NUOVO RESPONSABILE VENDITE DEL CANALE GDO DI GRUPPO CAFFO 1915

Il gruppo calabrese rafforza la sua struttura commerciale con l'ingresso del professionista p....

MILANO GREEN WEEK, DAL 30 SETTEMBRE AL 2 OTTOBRE IL PRIMO LABORATORIO DI WINE PAINTING TENUTO DA MIKY DEGNI

Miky Degni ancora protagonista con la sua comunicazione non convenzionale sul tema del Vino.<....

 SCREENING GRATUITO IN COLLABORAZIONE CON L'OSPEDALE VILLA SALUS, OFFERTO DA BOTTEGA AI PROPRI DIPENDENTI

In un periodo storico caratterizzato da una grande incertezza, l'azienda Bottega, nell'ambito....

È ONLINE LA NUOVA PIATTAFORMA PER CONOSCERE ROMA E IL SUO TERRITORIO, WAYGLO ROMA

E' online la piattaforma roma.wayglo.it per una narrazione emozionante di Roma

EXÉ RESTAURANT DI FIORANO MODENESE, CHEF D'ECCEZIONE GIORGIO BARCHIESI

Oggi, mercoledì 14 settembre, il carismatico Giorgio Barchiesi, cuoco di Gambero Rosso e sta....

UNICITA' italiaNEcuore 3

  • RADICCHIO ROSSO DI TREVISO IGP, IL FIORE D'INVERNO
    RADICCHIO ROSSO DI TREVISO IGP, IL FIORE D'INVERNO
  • SALSICCIA DI CALABRIA DOP, IL ROSSO CHE PIACE
    SALSICCIA DI CALABRIA DOP, IL ROSSO CHE PIACE
  • LA TORZA RICCIA TORNA A FAR CAPRICCI, CHE CAVOLO!
    LA TORZA RICCIA TORNA A FAR CAPRICCI, CHE CAVOLO!
  • CASTAGNA DI MONTELLA IGP, SAPORE DOLCE
    CASTAGNA DI MONTELLA IGP, SAPORE DOLCE