• Mercato nel Campo, a Siena le eccellenze enogastronomiche
    Mercato nel Campo, a Siena le eccellenze enogastronomiche
  • La notte degli alambicchi accesi, dal 7 al 9 dicembre
    La notte degli alambicchi accesi, dal 7 al 9 dicembre
  •  La Festa del Torrone di Cremona celebra Mina
    La Festa del Torrone di Cremona celebra Mina

Seguici su...

Piaceri della Vita su FacebookPiaceri della Vita si googleplusPiaceri della Vita su TwitteryoutubePiaceri della Vita su Pinterest

Flash news

Marc Chagall come nella pittura così nella poesia

A Mantova, Palazzo della Ragione. Fino al 13 gennaio 2019. 

Printing Revolution 1450-1500

A Venezia, Museo Correr. Fino al 7 gennaio 2019.

Easy Rider. Il mito della motocicletta come arte

Reggia di Venaria (TO). Fino al 24 febbraio 2019. 

Rossini 150

A Pesaro, Musei Civici di Palazzo Mosca. Fino al 18 novembre.

Epoca Fiorucci

A Venezia, Galleria Internazionale D'arte Moderna di Ca' Pesaro. Fino al 6 gennaio 2019.  

1948: The Biennale of Peggy Guggenheim

A Venezia, Collezione Peggy Guggenheim. Fino al 25 novembre. 

Manet e Massimiliano. Un incontro multimediale

A Trieste, Castello di Miramare. Fino al 30 dicembre. 

Storie. Il design italiano

A Milano, Triennale Design Museum. Fino al 20 gennaio 2019. 

Traiano. Costruire l’Impero creare l’Europa

A Roma, ai Mercati di Traiano. Fino al 18 novembre. 

Cantine Ferrari, ottenuta la certificazione biologica

I vigneti Ferrari sulle pendici dei monti del Trentino580

Tutti i vigneti trentini di proprietà del Gruppo Lunelli e destinati alla creazione di Ferrari Trentodoc hanno ottenuto la certificazione biologica: una notizia attesa, che arriva il 20 marzo, a pochi giorni dal Vinitaly 2017 e corona l'impegno della famiglia Lunelli nel riportare al centro dell'attività agricola il concetto stesso di fertilità naturale del terreno, il rispetto dell'ambiente e di chi vi lavora. 

Questo traguardo è il punto di arrivo di un percorso lungo e impegnativo, iniziato oltre vent'anni fa. Numerosi studi e sperimentazioni in campagna condotti con il supporto della Fondazione Mach, hanno portato alla convinzione che, una volta ottenuto un adeguato equilibrio del vigneto, sia possibile fare viticoltura biologica anche in territori di montagna. 

Negli anni è stato introdotto il divieto totale di utilizzo di diserbanti e concimi chimici, a favore di pratiche tradizionali come il sovescio, di fertilizzanti naturali come il letame e dell'uso esclusivo di fitofarmaci ad alto grado di sicurezza, che prediligono l'impiego di prodotti naturali quali il rame e lo zolfo.

In questo contesto, nel 2014 è iniziato il processo di conversione al biologico di tutti i vigneti di proprietà delle Cantine Ferrari, che è terminato con successo qualche giorno fa.

Questa cultura della sostenibilità e del rispetto per il territorio negli anni è stata condivisa anche con le oltre 500 famiglie che conferiscono le proprie uve alle Cantine Ferrari, attraverso un lungo processo di formazione e di educazione da parte del team di agronomi di Casa Ferrari.

A tutti i conferenti è stato chiesto di seguire un vero e proprio protocollo di viticoltura di montagna salubre e sostenibile denominato "Il Vigneto Ferrari", elaborato sempre col sostegno scientifico della Fondazione Edmund Mach e certificato da CSQA.

Oltre a garantire una migliore qualità della pianta e dell'uva prodotta, queste iniziative hanno avuto importanti ricadute su tutto il territorio circostante, che oggi beneficia di una più ricca biodiversità, confermata anche dalla certificazione "Biodiversity Friend" da parte della Worldwide Biodiversity Association.

Un territorio, quello delle montagne del Trentino, che nei secoli il lavoro dell'uomo ha trasformato, rendendo più dolci i pendii con filari di viti coltivati e mantenuti come giardini. Oggi questi vigneti di montagna, gli unici ad assicurare l'eccellenza della base spumante Trentodoc, sono ancora più in sintonia con la natura, grazie all'importante traguardo raggiunto dalle Cantine Ferrari, che dimostrano di conservare lo spirito pioneristico del loro fondatore.

Fu proprio Giulio Ferrari, infatti, oltre un secolo fa, a individuare le montagne trentine come terreno ideale per la produzione del migliore Chardonnay destinato alla produzione di Metodo Classico.

"La certificazione biologica di tutti i vigneti trentini della nostra famiglia rappresenta un grande traguardo che ha ricadute positive su tutto il processo produttivo, e rafforza ulteriormente il nostro impegno in termini di responsabilità sociale verso i territori in cui operiamo", ha commentato Marcello Lunelli, vice presidente delle Cantine Ferrari.

Share
comments

EVENTI

A Ferrara un Castello di Balocchi

Un castello di balocchi, sogni e magia in cui immergersi con i bambini tra ambientazioni....

Camogli, Elfi e Fate

Per il sesto anno consecutivo il Castel Dragone, suggestiva fortezza difensiva che dal c....

Gourmet Food Festival

Da sabato 23 a lunedì 25 novembre 2019, dopo il successo della prima edizione Gour....

Un prodotto, 100 chef, un Buon Ricordo

"Un prodotto, 100 chef, un Buon Ricordo": questo lo slogan della grande kermesse autunna....

Autunno in festa a Giano dell'Umbria

Nel mese di novembre, in occasione di Frantoi Aperti (dal 1° al 25 novembre 2018, www.f....

Il piacere

  • Cittamani, il gusto di atmosfere lontane
    Cittamani, il gusto di atmosfere lontane
  • Aggiungi un posto a tavola, 10 chef per Nemo
    Aggiungi un posto a tavola, 10 chef per Nemo
  • Spiedini al tartufo e cocktail d'autunno da Filz
    Spiedini al tartufo e cocktail d'autunno da Filz
  • Al Bésame Mucho masterclass con cena per scoprire il Mezcal
    Al Bésame Mucho masterclass con cena per scoprire il Mezcal
  • Bistrot Cannavacciuolo, i nuovi menù per l'autunno
    Bistrot Cannavacciuolo, i nuovi menù per l'autunno
  •  Quel che resta, a proposito di mobbing, shocking e altre amenità
    Quel che resta, a proposito di mobbing, shocking e altre amenità
  • Andrea Francardi è il vincitore del 110 e Lode
    Andrea Francardi è il vincitore del 110 e Lode
  • Lo Schermo dell'arte Film Festival, 13-18 novembre
    Lo Schermo dell'arte Film Festival, 13-18 novembre

SAPERNE DI PIU'

Inverno ad Asiago

Ci sono tante Asiago, in inverno.C'è la "Asiago delle feste", una cittadina scintillante di ....

Gabriella Anca Rallo, Commendatore della Repubblica

Gabriella Anca Rallo è stata insignita del titolo di Commendatore della Repubblica Italiana;....

La Barbera D'Asti conquista i migliori ristoranti lombardi

La Barbera d'Asti è uno dei vini più richiesti nei migliori ristoranti lombardi selezionati....

Aspettando  San Martino con Tenute Rubino

Ritorna "Aspettando San Martino", un classico degli eventi organizzati da Tenute Rubino. L'ap....

LE ECCELLENZE DOP E IGP create in italiacuore 3

  • Prosciutto di Sauris IGP, gusto dolce
    Prosciutto di Sauris IGP, gusto dolce
  • Grana Padano DOP, il pregiato
    Grana Padano DOP, il pregiato
  • Pane Casareccio di Genzano IGP, il fragrante
    Pane Casareccio di Genzano IGP, il fragrante
  • Pomodorino del Piennolo del Vesuvio DOP
    Pomodorino del Piennolo del Vesuvio DOP
  • Peperone Senise IGP, una favola
    Peperone Senise IGP, una favola
  • La Bella della Daunia DOP, l'oliva di Cerignola
    La Bella della Daunia DOP, l'oliva di Cerignola
  • L'Italia delle meraviglie, Ficodindia di San Cono DOP
    L'Italia delle meraviglie, Ficodindia di San Cono DOP
  • Uva di Puglia IGP, la croccante
    Uva di Puglia IGP, la croccante
  • Susina di Dro DOP, la trentina
    Susina di Dro DOP, la trentina
  • I prodotti freschi di ottobre
    I prodotti freschi di ottobre