• Al Cristallo di Cortina protagoniste le Cesarine
    Al Cristallo di Cortina protagoniste le Cesarine
  • La T-Shirt Night al Morgana Lounge Bar firmata Michael Roberts
    La T-Shirt Night al Morgana Lounge Bar firmata Michael Roberts
  • Griglie Roventi, quando il barbecue diventa folle
    Griglie Roventi, quando il barbecue diventa folle
  • Genova Porto Antico EstateSpettacolo
    Genova Porto Antico EstateSpettacolo
  • Mille eventi per un'estate ad Aprica
    Mille eventi per un'estate ad Aprica
  • I 5 migliori festival estivi dell'arte e della musica di strada in Europa
    I 5 migliori festival estivi dell'arte e della musica di strada in Europa

Seguici su...

Piaceri della Vita su FacebookPiaceri della Vita si googleplusPiaceri della Vita su TwitteryoutubePiaceri della Vita su Pinterest

Flash news

Heterochromic (Rosa e Carlo)

A Milano, Cracco in Galleria. Fino al 31 ottobre. 

Picasso

A Martina Franca (TA), Mesagne (BR) e Ostuni (BR). Fino al 4 novembre. 

Robert Doisneau: Le temps retrouvé

A Senigallia (AN), Palazzo del Duca. Fino al 2 settembre. 

Restituzioni 2018

A Torino, Venaria Reale. Fino al 16 settembre. 

World Masterpiece Theater

A Modena, Museo della Figurina. Fino al 22 luglio. 

La tavola di Natale a Genova

Cappon Magro580

Partiamo dal piatto della Vigilia, il Cappon Magro: magro, perché di pesce e quindi adatto al "digiuno" della notte prima di Natale; ma di certo non povero, anche se la sua origine sono i semplici piatti consumati dai marinai in navigazione!

Il Cappon Magro, al contrario, è un autentico trionfo di sapore e colori, una piramide sontuosa di strati di pesci diversi e verdure coloratissime, sostenuti da una base di "galletta del marinaio" inumidita con l'aceto e ricoperti di profumatissima salsa verde, con maestosi scampi e gamberi a coronare il capolavoro.

Come tante ricette genovesi, si tratta di un piatto semplice nella tecnica e nei sapori, che insieme danno vita a una sinfonia di gusto indimenticabile.

Il pranzo di Natale si può aprire, per i più tradizionalisti, con i Natalini in brodo di cappone, lunghi maccheroni serviti appunto in brodo e arricchiti con bocconcini di salsiccia; o con le Lattughe ripiene, anche loro in brodo, altro esempio di come la cucina genovese riesca a inventare sapori ricchissimi da ingredienti e tecniche di grande semplicità.

Per secondo, perché non una ricca, coloratissima Cima alla genovese (la çimma cantata da De Andrè): ancora una volta, una ricetta che nobilita un taglio povero di carne con un ripieno di ingredienti elementari ma pieni di sapore. In questo caso, per farla ci vuole una certa abilità, ma il risultato è straordinario (e il brodo di cima pare essere una autentica delizia!)

A Santo Stefano, invece, a farla da padroni saranno i Raieu cö u toccu, ovvero i ravioli con il sugo di carne: dove il sugo di carne a Genova si prepara facendo cuocere molto, molto a lungo un pezzo di carne intera (un "tocco", appunto) nella salsa di pomodoro profumata con erbe, funghi secchi e pinoli.

Cima alla genovese580

Il sugo risulterà saporitissimo e la carne, morbida e gustosa, potrà essere servita per secondo. Nei ravioli invece finiranno tritati gli avanzi delle carni del giorno prima, accompagnati dalle erbette selvatiche dei campi, come la boragine. E si sa: i genovesi non sprecano niente, su ottimizza sempre tutto!

Infine, il dolce.
E qui troviamo un protagonista assoluto della cucina genovese: il Pandolce, o Pandoçe. Si tratta di un classico pane arricchito con canditi, uvetta, pinoli e finocchietto, che si può trovare in due versioni.

Quella più antica e tradizionale, che viene segnalata fin dai tempi di Andrea Doria, è alta e ha una lunghissima, laboriosa lievitazione (ma non pensate al panettone milanese: consistenza e profumi sono completamente diversi); quella più recente, e più ricca, è bassa, ricca di burro e con una consistenza più vicina a una frolla. C'è solo un modo per capire quale si preferisce: venire a Genova e assaggiarli entrambi.

Per chiudere il pasto con un delizioso amusebouche, non resta che assaggiare uno degli straordinari frutti canditi dell'antica tradizione confettiera genovese: Non pensate ai quadratini canditi del supermercato, né ai pur buonissimi agrumi canditi siciliani.

I maestri confettieri genovesi candiscono frutti interi (pere, susine, albicocche, kiwi, oltre a piccoli agrumi come i mandarini - qualche spericolato sperimentatore anche i carciofi!), con un lunghissimo, sapiente procedimento di canditura conservato dalle nostre Botteghe Storiche. 

E per finire, non dimentichiamo che Genova è una città di antiche, preziose, profumatissime cioccolaterie ...

www.visitgenoa.it e  www.visitgenoa.it/it/ricette 

Share
comments

EVENTI

Vino è Musica a Grottaglie

La creta per trasformarsi in arte ha bisogno dei suoi tempi. Così come l'uva in vino. I....

World Dance Movement Festival 2018

Torna il grande appuntamento con la danza internazionale nel cuore della Puglia, che por....

Torna Calici di Stelle, vino, cultura e

Calici di Stelle nasce dall'idea di trasformare il periodo più poetico delle notti d'es....

Lonato in Festival

Quattro giorni di stupore e divertimento, per grandi e piccoli, con un mondo di meravigl....

Verignana Music Festival 2018

Dal 6 al 15 luglio 2018, a Palazzo di Varignana, luxury resort nelle colline bolognesi, ....

The Contemporary Chinese Fiber Art a Prato

Dal 27 giugno fino al 27 settembre 2018 il Museo di Tessuto di Prato ospita l'unica tapp....

20 anni museo Ötzi di Bolzano

Dal 15 al 22 settembre 2018 – in occasione della celebrazione dei 20 anni di apertura ....

Bolzano Danza

Dal 12 al 27 luglio 2018, sotto la direzione artistica di Emanuele Masi, Bolzano Danza s....

St. Magdalener Culinarium

Il 31 agosto 2018 dalle ore 17.00 si terrà una piacevole serata sotto il segno del famo....

Calici di stelle a Bolzano

Buon vino, atmosfera suggestiva, prelibatezze gastronomiche attendono i visitatori della tradizio....

Il piacere

  • A Milano Moda Uomo il futuro maschile è fusion
    A Milano Moda Uomo il futuro maschile è fusion
  • Premiata a Firenze Eva Desiderio, acuta penna della critica di moda
    Premiata a Firenze Eva Desiderio, acuta penna della critica di moda
  • Bottega apre un nuovo Prosecco Bar a Muscat
    Bottega apre un nuovo Prosecco Bar a Muscat
  • Il lusso culturale di The Merchant of Venice
    Il lusso culturale di The Merchant of Venice
  • Emanuela Biffoli SS19
    Emanuela Biffoli SS19
  • Jenny Monteiro per AltaRoma
    Jenny Monteiro per AltaRoma
  • Fantinel Prosecco, un prestigio sempre più globale
    Fantinel Prosecco, un prestigio sempre più globale
  • Salento Book Festival, non solo libri
    Salento Book Festival, non solo libri
  • Come riconoscere
    Come riconoscere "iLcamone", quello vero

SAPERNE DI PIU'

“Bandiera Verde” di Legambiente alle Cantine Ferrari

Le Cantine Ferrari ottengono una delle 15 bandiere verdi 2018, assegnate da Legambiente il 30....

I Cavalieri del Lavoro del Vino alle Cantine Ferrari

Ogni anno, da ormai sette anni, c'è un appuntamento speciale e molto atteso che riunisce i C....

Daniel Canzian eletto nuovo membro del board europeo Jre

Daniel Canzian è stato eletto nuovo membro del board europeo dell'Associazione Jeunes Restau....

A Pitti Filati si parla di sostenibilità

La sostenibilità, per i filati e i tessuti, significa anche utilizzo di materiali riciclati ....

LE ECCELLENZE DOP E IGP create in italiacuore 3

  • San Daniele DOP, dolce e delicato
    San Daniele DOP, dolce e delicato
  • Valtellina Casera DOP, l'inimitabile
    Valtellina Casera DOP, l'inimitabile
  • Limone di Rocca Imperiale IGP, il succoso
    Limone di Rocca Imperiale IGP, il succoso
  • Asparago Verde di Altedo IGP, il tenero
    Asparago Verde di Altedo IGP, il tenero
  • Liquirizia di Calabria DOP, il nero che piace
    Liquirizia di Calabria DOP, il nero che piace
  • Basilico Genovese DOP, l'inimitabile
    Basilico Genovese DOP, l'inimitabile
  • I prodotti freschi di Giugno
    I prodotti freschi di Giugno